at the edge

SOFIA / don't try to hide

GIACOMO / politically incorrect

ALBERTO / do you see it ?

ELENA / another view

MARIA / I want to fill myself with silence

trying

folly

mud

ice

ELEONORA / password

MARCO / no one can tell

COSTANZA / I lost my courage

EMANUELE / aporia

GIOVANNA / I bring my weight on a stroll

PIETRO / who is watching us ?

ANNALISA / we too, are watched

FEDERICO / io sono la legge

ho paura.

ho paura.

ho paura.

occhi strizzati, nel sonno.

Occhi di un corpo che nuota, ondeggia silenziosamente, imbarazzato e spossato da un'ansia radioattiva.

Ho un corpo sudato, appiccicoso di melma e fango.

Il mio letto è la mia più grande sporca e sensuale e spudorata sanguisuga.

ho voglia di sputare. Ho voglia di contorcermi tra i muscoli e il grasso

di cadere e sprofondare nel suolo

sotto il suolo

tra la cenere e il veleno

I tendini nella carne tremano rabbiosi e passivi. La mano ha una gran voglia di chiudersi e riaprirsi e stirare ogni centrimentro, millimetro della pelle

come un ragno teso, pronto all'attacco.


 

Apro gli occhi, nel buio

in una sorta di rassegnazione

e guardo

ho paura

ho paura

ho paura

ho paura ho paura ho paura

centinaia di occhi intorno a me. grandi, possenti mi osservano

come attratti e perversi

senza battere ciglio.

La mia carne è paralizzata. La mente pulsa freneticamente nel nulla


 

gli occhi si avvicinano lentamente al mio corpo, guardandolo costantemente

fluttuando nel buio.

un respiro tagliente nella stanza, forte vivo ritmato tremendo

Sono completamente avvolto da occhi giganteschi, che toccano la mia pelle, la inumidiscono con l'iride nero.

La mia faccia, tra gli ansimi,

si contrae, si distorce, spalanca la bocca

mentre i grandi occhi mangiano la pelle.

tremando.

la mia faccia urla

il mio corpo urla e urla e urla sempre più forte

i muscoli si induriscono e si gonfiano,

i denti emergono spigolosi.

il collo si ricopre di vene che pulsano, verdastre. La bocca è un grande buco nero di saliva e di pus.


 

e improvvisamente


 

tutto

lentamente

comincia a tremare

tremolii di luce, nel buio, appaiono con gran rapidità, ovunque

i grandi occhi neri si staccano d'un tratto

si sciolgono.

Il nero si scioglie.

le mie vene si sciolgono.

i muscoli si rilassano, il respiro si addolcisce.

Adesso tutto è silenzio

dilatato

disteso


 

colori caldi e tiepidi emergono ovunque,

colori di alberi, di foglie, di nuvole,

colori di fuochi e di venti si spargono nelle dieci direzioni

colori di rondini e caprioli, lumache e lombrichi, di pietre e formiche.


 

e adesso tutto appare chiaro e morbido

il volto si distende,

la bocca si allarga

spifferi di energia mi accarezzano la schiena

e chiudo ancora gli occhi e

respiro dal naso, dalle mani

dai capelli

respiro.

mi alzo.


 

E con grande gioia tutto trema

e con grande gioia

emergo dalla terra

spalancando le braccia e danzando

musiche astrali si percepiscono nell'aria,

su ogni cosa piovono petali e gioielli preziosi

animali, piante così rigogliose da sempre

soli rossi e lune di crema nel cielo

e io rido e piango e

migliaia di persone luminosissime

mi prendono per mano

e in un largo infinito cerchio di luce

danziamo e posiamo gli occhi sulla preziosa torre

attraverso il grande Voto

di felicità assoluta.

RUGGERO / have no fear, for I'm with you

drawing

judgement

fear